top of page

I parassiti esterni dell’animale domestico


Avere un animale in casa, comporta spesso e purtroppo una battaglia contro insidie che

minacciano la sua salute.

Per esattezza, oggi vedremo i parassiti esterni dell’animale domestico, che non causano

solo prurito ma delle volte possono essere davvero molto molto pericolosi, trasmettendo

malattie molto gravi.

Andiamo a vedere insieme quali sono, le malattie che possono portare e cosa sono.


Acari

Sono responsabili della rogna e si suddividono in varie tipologie.


Pidocchi

Sono insetti che non volano e vivono sulla cute e sul mantello dell’animale, sono animali che si trasferiscono sia dal cane al gatto, e purtroppo è uno di quei parassiti che viene trasferito anche all’uomo, e viceversa, anche se l’uomo prende i pidocchi si trasferiscono sul cane o gatto.


Zecche (maledette zecche)

Sono emafogi che permangono temporaneamente sugli animali e sull’uomo. Sono abbastanza “schifose”, si attaccano alla pelle e si nutrono fino a diventare anche tre volte più grandi. Il morso di questi parassiti può trasmettere al cane anche più di una malattia contemporaneamente.

Ad esempio malattie dall’ Ehrlichiosi alla Babesiosi o Piroplasmosi, dalla Malattia di Lyme o Borreliosi all’Anaplasmosi, fino alla Rickettsiosi.

E' quindi di vitale e basilare importanza l’utilizzo degli antiparassitari, e comunque prima di applicarli, fare al nostro amico un bel bagno con prodotti specifici e dopo due giorni procedere con l’applicazione del repellente.


Quando capita di trovare una zecca sul nostro animale è importante saperla estrarre, quindi affidatevi ad un veterinario o ad un toelettatore, che eviterà possibili e gravi infezioni.

Pulci

Le pulci si contraddistinguono dagli altri parassiti perchè sono ambientali, in poche parole, rimangono sull’animale il tempo necessario per nutrirsi, dopodichè si riproducono nell’ambiente circostante, quindi la nostra casa, lasciando uova e larve sulle superfici.

Molti gatti non si rendono nemmeno conto della presenza delle pulci sul loro manto, per altri invece diventa invero e proprio problema, scatenando reazioni allergiche a volte molto brutte e dolorose.

Per il gatto le pulci sono anche portatrici della tenia e batteri che sono responsabili della malattia del graffio nell’uomo.

Sul cane, l’infestazione di pulci può avere diverse manifestazioni, come anemia, dermatite allergica da pulci, dimagrimento, e addirittura vermi.


Zanzare e pappataci

Tutti li conosciamo, sono esseri fastidiosi sia per l’uomo che per gli animali.

Sono veicoli di trasmissione di malattie gravissime come la conosciutissima Leishmaniosi e Filariosi.


Infine, volevo aggiungere che anche le Mosche possono essere pericolose, specialmente

su piccole ferite del cane. Le loro larve provocano le cosiddette miasi cutanee, scavando nei tessuti provocano lesioni gravissime.


Prevenire è meglio che curare!!!

Come proteggiamo i nostri animali da questi parassiti?


Per prima cosa, sappiamo tutti che questi parassiti sono più comuni nei mesi caldi.

Ricordiamoci però che le temperature stanno cambiando e che comunque i cani e gatti

vivono anche in inverno al caldo con noi, questo fa si che sopratutto lezecche se già sulla pelle del nostro animale sopravvivano anche in inverno. Perciò consiglio di continuare il ciclo degli antiparassitari tutto l’anno.

Sono tantissimi i trattamenti antiparassitari in commercio, tra cui tavolette commestibili,

pipette e collari.

Il mio consiglio personale, sia per comodità che per proprietà protettive, è che gli

antiparassitari per bocca sono la soluzione migliore, in quanto il loro potere repellente e

prevenzione, non può essere intaccato in alcun modo e non ha reazioni su dermatiti già

esistenti.


Nei prossimi articoli vi parlerò degli antiparassitari naturali, come rinforzo e

mantenimento di quelli veterinari.


120 visualizzazioni

Comments


bottom of page